Rolex Sea-Dweller in Rolesor giallo

Il nuovo Rolex Sea-Dweller in Rolesor giallo

Ci sono orologi creati per segnare il tempo e altri per segnare la storia, come nel caso di Rolex.

Alcuni passano, altri restano. Anzi, crescono, si evolvono, diventano perciò simboli prima ancora che segnatempo. Uno di questi orologi è il Rolex Sea-Dweller.

Un segnatempo che è storia dell’Alta Orologeria e che, con il passare dei decenni, ha saputo quindi trasformarsi rimanendo se stesso, cambiando anima senza cambiare pelle.

Una storia legata agli abissi

Non dimentichiamo infatti che il Sea-Dweller nacque poco più di 50 anni fa, nel 1967, in sostanza come un cosiddetto “tool watch”.

Un orologio pensato e creato per un utilizzo quotidiano estremo da parte di professionisti delle profondità.

Un segnatempo che già dal nome, letteralmente “abitante del mare”, si posizionava in un ambito ben preciso.

Accompagnava infatti i pionieri delle immersioni subacquee a grandi profondità.

Il Sea-Dweller nacque dall’esperienza maturata da Rolex come partner di avventure sottomarine estreme già dal 1960.

In quell’anno, il brand accompagnò infatti il luogotenente della Marina americana Don Walsh e l’oceanografo svizzero Jacques Piccard durante la loro discesa nella Fossa delle Marianne.

I due raggiunsero la depressione oceanica più profonda al mondo a bordo del batiscafo Trieste. Con loro, un Rolex Deep Sea Special.

Rolex-Sea-Dweller-Rolesor-Giallo_1