I 5 orologi più bizzarri del mondo

Se la maggior parte delle Maison orologiere è sinonimo di tradizione e classicità, ve ne sono altre moderne e dirompenti, in grado di creare alcuni tra gli orologi più bizzarri del mondo.

Difficile che creazioni simili possano venire da atelier tradizionali o da marchi, pur se giovani, inquadrati in grandi gruppi. Gli orologi più bizzarri sono prerogativa degli indipendenti.

Si tratta spesso di pezzi unici, che si distinguono dalla massa per le loro scelte estetiche, per l’accostamento di colori e materiali, per la filosofia che ne ha ispirato la creazione.

In ogni caso, però, gli orologi più bizzarri del mondo sono opere di altissima orologeria, con complicazioni uniche (e, spesso, sono pezzi unici) e realizzate con materiali preziosi.

Questo perché negli atelier indipendenti la creatività ha meno vincoli storici cui attenersi e può comunque contare su professionisti di altissimo livello.

In questo articolo abbiamo scelto alcune degli orologi più bizzarri del mondo, anche assai recenti, ciascuno dei quali spicca per la propria unicità. Eccoli.

H. Moser & Cie. Nature Watch

Famosa per lanciare orologi bizzarri e irriverenti (negli scorsi anni ne creò uno con la cassa fatta di formaggio svizzero) la Maison ora lancia l’orologio che si innaffia.

Il Nature Watch è infatti un pezzo unico in acciaio con succulente, muschio, crescione, erba miseria e cipolle da semina, quadrante in pietra minerale naturale e licheni delle Alpi svizzere e cinturino in erba.

Va curato come se fosse un orto o un prato, quindi bagnato due volte al giorno per evitare che la vegetazione che lo compone sfiorisca e muoia.

Di diritto tra gli orologi più bizzarri del mondo, è un monito di H. Moser & Cie. per la salvaguardia della Terra e testimonia la volontà della Maison di essere sempre più sostenibile.

Konstantin Chaykin Joker

Un clown al polso, questo è il segnatempo realizzato nel 2017 dall’orologiaio russo di San Pietroburgo.

Il volto del pagliaccio prende forma sul quadrante attraverso il gioco dei contatori delle ore e dei minuti posti a ore 10 e a ore 2, insieme alle fasi lunari indicate dalla lingua del clown.

Insieme, questi tre elementi possono far assumere al pagliaccio di Konstantin Chaykin circa 20mila espressioni, posizionandolo tra gli orologi più bizzarri del mondo.

Il “fratello” di Joker, Clown, ha vinto l’Audacity Prize all’ultimo Grand Prix d’Horlogerie de Genève (GHPH 2018).

Joker è invece un pezzo unico creato da Chaykin per l’edizione 2017 dell’asta Only Watch, i cui proventi vanno a una fondazione per la lotta alla distrofia muscolare di Duchenne.

MB&F HM6 Final Edition


Più che un segnatempo, questo tra gli orologi più bizzarri del mondo somiglia a un’astronave.

Come le altre Horological Machine (da qui la sigla HM) di MB&F, anche questa, la numero 6 creata nel 2014, arriva alla fine del suo ciclo vitale: la Final Edition è infatti l’ultima della serie.

L’HM6 Final Edition presenta una cassa in acciaio inossidabile solcata da linee profonde in acciaio lucidato che partono dalle turbine fino a raggiungere le sfere delle ore e dei minuti.

Per agevolare la leggibilità, queste ultime sono orientate perpendicolarmente al resto del movimento e alimentate da due ingranaggi conici.

Dettagli tecnici ed estetici che tradiscono il grande lavoro fatto dietro a un pezzo come questo, la cui eccentricità non deve far dimenticare che si tratta pur sempre di Alta Orologeria.

URWERK UR-111C


Come da tradizione negli orologi URWERK, anche in questo nessuna delle indicazioni è convenzionale.

I minuti sono infatti mostrati in due modi diversi: linearmente e digitalmente per la precisione.

Mai prima di questo pezzo URWERK, un rullo sulla cassa ha svolto le funzioni della corona, né i secondi hanno serpeggiato su un gruppo di fibre ottiche.

La cassa, dalla forma a metà tra quella di una navicella spaziale e quella di un guscio di tartaruga, è in acciaio con finitura Gunmetal.

È così in simbiosi con il movimento che quest’ultimo va alloggiato dal fianco di essa e non dal fondo, come accade normalmente. Non è uno tra gli orologi più bizzarri del mondo?

Hautlence Vortex Primary


La Maison svizzera il cui nome è l’anagramma di Neuchatel, in omaggio alla culla elvetica dell’Alta Orologeria, ha creato questo orologio insieme all’ex calciatore Eric Cantona.

Originale e sregolato come quest’ultimo, l’orologio ha una cassa le cui sfaccettature sono realizzate con cristalli nei tre colori primari.

A ogni cambio di ora, cambia l’aspetto della cassa perché i cristalli si sovrappongono creando così nuovi colori, insieme a quelli creati dai continui cambi di luce.

In tutto questo, rimane sempre visibile il calibro di manifattura HL2.0, il quale muove quello che è senz’altro uno degli orologi più bizzarri del mondo.

Secondo Cantona, l’orologio “ci parla della vita e della morte, della reclusione e della libertà, della metamorfosi e dei colori”. Sicuramente è un pezzo che non passa inosservato.