L’arte orafa e orologiera di Bulgari si esplicita non solo attraverso l’utilizzo di metalli e pietre preziose comuni, ma anche tramite la maestria nella lavorazione di altri materiali come l’ametista.

Utilizzando l’ametista viola, una nuova collezione capsule della Maison romana reinventa infatti tre modelli di orologi Serpenti attraverso la bellezza di questa pietra.

Nello specifico, i tre orologi Serpenti proposti dalla Maison con questa pietra sono:

  • Misteriosi, con bracciale rigido;
  • Scaglie;
  • Incantati.

Una pietra magica

La scelta dell’ametista non è casuale: si tratta infatti di una pietra che attraverso i secoli, ha avuto attribuiti diversi poteri e significati che sono stati attribuiti all’ametista.

Associata alla fiducia, all’intuizione e alla spiritualità, si indossa quindi questa pietra per cercare protezione e calmare la mente.

Venerata dagli Egizi già nel 4.000 a.C., l’ametista viola è inoltre, da sempre, sinonimo di potere.

Anche il rapporto di Bulgari con questa gemma è di lunga data: modellata secondo i propri tagli distintivi e combinata all’oro, ai diamanti e ad altre pietre colorate, ha creato pezzi straordinari.

Bulgari, l’ametista, gli orologi

Ora l’ametista arriva anche nell’Alta Orologeria di Bulgari, che per la nuova collezione propone quindi tre interpretazioni di femminilità attraverso i tre segnatempo Serpenti.

Serpenti Amethyst unisce il potere di rinnovamento associato al serpente alla forza della creatività che ispira ogni design Bulgari.

Serpenti Misteriosi

L’orologio Serpenti Misteriosi con bracciale rigido ha debuttato nel 2016 e nell’edizione speciale di quest’anno è impreziosito con ametiste taglio baguette.

In questo modo, la Maison sottolinea le scaglie del serpente, mentre con ametiste tagliate a goccia ne disegna gli occhi.

Bulgari